Venice FF

Alberto Barbera – Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia #Venezia75

Play Podcast
6 min. and 12 sec.

Venezia 75: via libera a Netflix, i film di genere, la politica, il reale e le opere prime.

Play Podcast
6 min. and 12 sec.

PODCAST | Chiara Nicoletti intervista Alberto Barbera, direttore artistico della 75° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Per ascoltare questa intervista, clicca su ► sopra la foto

A pochi minuti dalla fine della conferenza stampa di presentazione programma della 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il direttore artistico Alberto Barbera su FRED commenta il fil rouge delle opere in programma nell’edizione che si terrà dal 29 Agosto all’ 8 Settembre 2018. Molti i film di genere, western, thriller, polizieschi, film storici e commedie che riportano i grandi autori in contatto con il pubblico come a condividere nuovamente un codice. Per Barbera sono film di genere che però allo stesso tempo si discostano dai generi di riferimento perché hanno la capacità di reinventarsi. Dal bando di Cannes al sì di Venezia a Netflix, sono ben 6 le opere finanziate o distribuite dalla piattaforma presenti in tutte le sezioni del Festival tra cui Roma di Alfonso Cuaron, The Ballad of Buster Scruggs dei fratelli Cohen e 22 July del candidato all’Oscar Paul Greengrass sull’attacco terroristico che colpì la Norvegia nel 2011. Fuori concorso, Netflix presenterà il più grande tra gli assenti a Cannes, il film incompiuto di Orson Welles, The Other Side of the Wind, portato a compimento grazie al lavoro di Peter Bodganovich e Frank Marshall. Massiccia presenza tra le opere prime e quelle dei grandi maestri di film che raccontano la situazione in Medio Oriente. Stessa cosa vale per i film che affrontano la politica statunitense, l’America prima e dopo Trump.

La 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica include le seguenti sezioni: Venezia 75 Concorso internazionale di un massimo di 20 lungometraggi in prima mondiale. Sono presentate Fuori Concorso alcune opere significative dell’anno, per un massimo di 18 titoli. Tra queste, lavori di autori affermati che abbiano già partecipato in precedenza alla Mostra, documentari o film nei quali la dimensione spettacolare si accompagna a forme di originalità espressiva o narrativa. Nella fascia oraria di mezzanotte potranno essere inoltre ospitati alcuni film Fuori Concorso, le cui caratteristiche convengano a questo particolare orario di proiezione. Sono ammessi alla selezione solo i lungometraggi proposti alla Mostra in prima mondiale. Orizzonti Concorso internazionale riservato a un massimo di 18 film, dedicato a film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale, con particolare riguardo per gli esordi, gli autori emergenti e non ancora pienamente affermati, le cinematografie minori e meno conosciute, ma anche opere che si misurano con i generi e la produzione corrente con intenti d’innovazione e di originalità creativa. All’interno della sezione Orizzonti è ospitata una selezione competitiva di cortometraggi della durata massima di 20 minuti, scelti in base a criteri di qualità e originalità linguistico-espressiva. Sono ammessi alla selezione solo i lungometraggi e i cortometraggi proposti alla Mostra in prima mondiale. Venezia Classici è la sezione che ospita in prima mondiale una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo, impegnate nella conservazione e valorizzazione del patrimonio cinematografico e nella riscoperta di opere del passato trascurate o sottovalutate. A completamento della sezione, possono essere presentati documentari sul cinema e su singoli autori di ieri e di oggi, in grado di offrire innovativi elementi di valutazione storico-critica. Sconfini è la sezione, non competitiva, che prevede una selezione di opere senza vincoli di genere, durata e destinazione. Possono farne parte film d’autore e di genere, sperimentali e d’artista, serie televisive e produzioni crossover, sino a un massimo di 10 titoli, eventualmente preceduti o accompagnati da incontri e approfondimenti con autori, interpreti e personalità del mondo dell’arte e della cultura. Sono ammesse alla selezione solo opere presentate in prima mondiale alla Mostra. Venice Virtual Reality: è prevista la presentazione, in concorso e fuori concorso, di un massimo di 30 opere di VR Storie Immersive di qualsiasi durata e formato (Samsung Gear, Google Cardboard, HTC Vive, Oculus, SONY Playstation, dispositivi tattili, AR, MR; eventuali altri formati devono essere discussi preventivamente con la Direzione della Mostra), in prima mondiale e/o internazionale. Sono presentate Fuori Concorso le opere dei team che partecipano alla seconda edizione di Biennale College Cinema-VR e i film realizzati in precedenza dai team invitati a Venice Production Bridge.

  • Reporter
    Chiara Nicoletti
  • Guest
    Alberto Barbera
  • Interviewee role
    Direttore artistico
  • Festival section
    Venezia 75
Now playing:
Featured Posts