Festival de Cannes

Jonas Carpignano – A Ciambra #Cannes2017

Play Podcast
5 min. and 3 sec.

Carpignano torna in Calabria e la guarda con gli occhi di un bambino rom

Play Podcast
5 min. and 3 sec.

PODCAST | Chiara Nicoletti intervista Jonas Carpignano, regista del film A Ciambra.

Per ascoltare questa intervista, clicca su ► sopra la foto

Con Mediterranea aveva esplorato la periferia di Rosarno, raccontando le storie di immigrati africani ed ora con A Ciambra torna a raccontare quei luoghi guardando a come le comunità che ci vivono si relazionano e intersecano tra loro. Carpignano racconta perchè ha scelto di concentrarsi sulla storia del piccolo bambino rom Pio. La scelta che Pio deve compiere per la sua vita è frutto del suo non vedere le alternative che il futuro potrebbe proporgli. La famiglia diventa l’unica soluzione, non solo per gli affetti ma anche per l’impossibilità di andare oltre quel muro immaginario di paure.

A Ciambra: in A Ciambra, a small Romani community in Calabria, Pio Amato is desperate to grow up fast. At 14, he drinks, smokes and is one of the few to easily slide between the region’s factions – the local Italians, the African refugees and his fellow Romani. Pio follows his older brother Cosimo everywhere, learning the necessary skills for life on the streets of their hometown. When Cosimo disappears and things start to go wrong, Pio sets out to prove he’s ready to step into his big brother’s shoes but soon finds himself faced with an impossible decision that will show if he is truly ready to become a man.

Per la pagina ufficiale del film del festival cliccare qui.

  • Reporter
    Chiara Nicoletti
  • Guest
    Jonas Carpignano
  • Interviewee role
    Regista
  • Film title
    A Ciambra
  • Festival section
    Quinzaine des Realizateurs
Now playing:
Featured Posts