FRED Interview

Donata Pesenti Campagnoni – Animal Film Stars

Play Podcast
13 min. and 17 sec.

La mostra Bestiale: sembra semplice ma è un mondo molto complesso e affascinante

Play Podcast
13 min. and 17 sec.

PODCAST | Angelo Acerbi intervista Donata Pesenti Campagnoni, direttrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Per ascoltare questa intervista, clicca su ► sopra la foto

La direttrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino, Donata Pesenti Campagnoni, ci racconta il percorso creativo compiuto insieme a Davide Ferrario per costruire questa mostra, Bestiale: Animal Film Stars, che è molto di più di quello che può sembrare. Ascoltiamo quali sono stati i criteri usati per strutturare lo schema della mostra, all’interno di un mondo che offre talmente tante sfaccettature da confodere, e quali sono le particolarità e gli aspetti più curiosi di una esposizione che ha molto da offrire a tutti, animal lovers e non.

Da sempre gli animali fanno parte dell’immaginario cinematografico. Dai cani divi storici come Rin Tin Tin e Lassie fino alla nuova ondata di protagonisti a 4 zampe che caratterizzano la produzione contemporanea, dal Balthazar di Bresson allo squalo di Spielberg, gli animali non cessano di fornire materia per storie di tutti i tipi. Il Museo Nazionale del Cinema di Torino celebra gli animali sul grande schermo con una mostra in programma, nell’incomparabile scenario della Mole Antonelliana, dal 14 giugno 2017 all’8 gennaio 2018. Articolata in dieci differenti sezioni tematiche, la mostra racconta allo spettatore un universo multiforme. Fotografie, manifesti, storyboard, costumi di scena, memorabilia e animatronics dialogheranno con le sequenze dei film assemblati in montaggi speciali. Due i temi principali della mostra. Il primo: cos’è una star animale? In particolare, qual è la relazione tra icona popolare e animale (spesso non un singolo, ma più di uno) in carne ed ossa che lo rappresentano sulla schermo? Il secondo: esiste una “recitazione animale”? E come definirla oggi, quando animatronics ed effetti speciali digitali spingono verso personaggi di animali che sembrano sempre più esseri umani, mutandone la natura stessa? Gli oggetti in esposizione provengono dalle collezioni del Museo Nazionale del Cinema, e da importanti istituzioni internazionali, tra cui l’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences di Los Angeles, la NBCUniversal Archives & Collections, La Cinémathèque française, il Palm Dog Award, e da collezionisti e professionisti del mondo del cinema, come il Premio Oscar per i migliori effetti speciali John Cox. La mostra è a cura di Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni, con la collaborazione di Tamara Sillo e Nicoletta Pacini.

Per informazioni riguardo alla visita, cliccare qui.

  • Reporter
    Angelo Acerbi
  • Guest
    Donata Pesenti Campagnoni
  • Interviewee role
    Direttrice del Museo del Cinema di Torino
Now playing:
Featured Posts