Berlin International Film Festival

Danny Boyle – Trainspotting 2 #Berlinale

Play Podcast
10 min. and 55 sec.

Prima della Berlinale, Danny Boyle si ferma a Roma per presentare Trainspotting 2

Play Podcast
10 min. and 55 sec.

PODCAST | Chiara Nicoletti intervista Danny Boyle, regista del film Trainspotting 2.

Per ascoltare questa intervista, clicca su ► sopra la foto

Trainspotting 2 sarà presentato fuori concorso, in anteprima europea, alla 67° Berlinale ma il regista Danny Boyle ha approfittato di un incontro al Museo Maxxi per introdurlo al pubblico ed alla stampa italiana. il regista svela retroscena e aspettative relative al sequel di uno dei film più epocali ed iconici degli anni 90′. Danny Boyle si sofferma in particolare sulla colonna sonora e l’utilizzo della musica , elementi fondamentali del primo film. “Volevamo usarla come un innesto che facesse scattare il ricordo del primo film” ammette. Anche i flashback funzionano da richiamo per i ricordi e le sensazioni che Trainspotting ci aveva lasciato. Boyle si interroga infine sulla speranza, presente in tutte queste quattro anime perse ma soprattutto nella persona all’apparenza più sfortunata e sfigata di tutte: Spud.

Trainspotting 2: sono passati vent’anni. Molte cose sono cambiate, ma altrettante sono rimaste le stesse. Mark Renton (Ewan McGregor) torna all’unico posto che da sempre chiama casa. Lì ad attenderlo ci sono Spud (Ewen Bremner), Sick Boy (Jonny Lee Miller), e Begbie (Robert Carlyle), insieme ad altre vecchie conoscenze: il dolore, la perdita, la gioia, la vendetta, l’odio, l’amicizia, l’amore, il desiderio, la paura, il rimpianto, l’eroina, l’autodistruzione e la minaccia di morte. Sono tutti in fila per dargli il benvenuto, pronti ad unirsi ai giochi.

Per il sito ufficiale del film cliccare qui.
Per la pagina facebook cliccare qui.

  • Reporter
    Chiara Nicoletti
  • Guest
    Danny Boyle
  • Interviewee role
    Regista
  • Film title
    Trainspotting 2
  • Festival section
    Fuori Concorso
Now playing:
Featured Posts