Rome FF

Elisa Amoruso – Maledetta Primavera #RomaFF15

Play Podcast
6 min. and 20 sec.

Per la sua opera prima di finzione, Elisa Amoruso sceglie il coming of age e le atmosfere della sua adolescenza.

Play Podcast
6 min. and 20 sec.

PODCAST | Chiara Nicoletti intervista Elisa Amoruso, regista del film Maledetta Primavera.

Per ascoltare questa intervista, clicca su ► sopra la foto

Ha origine autobiografiche Maledetta Primavera, opera prima di finzione di Elisa Amoruso, presentato in Riflessi alla 15esima Festa Del Cinema di Roma. Storia di una ragazzina, la sua prima amicizia/infatuazione importante e tutto intorno una periferia dal sapore anni 80′ e due genitori molto imperfetti, a loro volta dentro i loro drammi personali. Elisa Amoruso sceglie Giampaolo Morelli e Micaela Ramazzotti per interpretare i genitori della protagonista Nina (l’esordiente Emma Fasano) e a testimoniare i diversi momenti di vita vissuti dai personaggi, scegliere il brano che da il titolo al film, Maledetta Primavera, che cantato a squarciagola fotografa tutto. La regista racconta il perchè della scelta di un coming of age e rivela i suoi riferimenti cinematografici sul genere.

Maledetta Primavera: È il 1989. Nina ha undici anni e una famiglia incasinata, il padre e la madre litigano sempre, Lorenzo ‐ suo fratello minore ‐, quando si arrabbia, diventa un pericolo. Dal centro di Roma si ritrova catapultata in un quartiere di periferia, fatto di palazzoni, ragazzi sui motorini e prati bruciati. Anche la scuola è diversa, non ci sono le maestre ma le suore, non ha neanche un amico. Ma un incontro improvviso stravolge tutto, come una tempesta: ha tredici anni, abita nel palazzo di fronte, è mulatta e balla la lambada. Il suo nome è Sirley, viene dalla Guyana francese, in Sud‐America, e ha un sogno ambizioso: interpretare la Madonna nella processione di quartiere. Sirley è una creatura strana, con un passato difficile, piena di fascino e di mistero. Non le importa delle regole, non ha paura di nessuno, e l’unico modo che ha per interagire con le persone è quello di aggredirle o di sedurle. Nina ne è attratta e spaventata, eppure Sirley fa qualcosa che nessuno finora ha fatto davvero: le dà attenzione e a modo suo, la fa sentire speciale. La coinvolge in un mondo nuovo, e rapidamente quest’amicizia così anomala la assorbe totalmente. Maledetta primavera è il racconto di come il desiderio plasma e trasforma l’infanzia in adolescenza. Una storia di crescita e di solitudini. Una storia d’amore vista con gli occhi di una bambina che cerca il suo posto nel mondo.

  • Reporter
    Chiara Nicoletti
  • Guest
    Elisa Amoruso
  • Interviewee role
    Regista
  • Film title
    Maledetta Primavera
  • Festival section
    Riflessi
Now playing:
Featured Posts